One love

Feb
2013
02

scritto da | on Storytelling | 39 comments

Hello beauties
you know that I always like to write about “frivolous” things that we all love but this time… this time I’d like to write you about someone that I really love so much because I think that together we can change things.
I don’t know if you already know the story of Spanish perreras… Perreras are kennels but not “normal” ones, they are lager kennels where dogs ( and also cats)  after 15 days of stay are killed in the most inhuman ways, such as through thrashrings or alives in crematoriums.
I won’t publish pics about what I saw on Internet because are too cruel views but this is the first time that I would like to ask you a favour.
Here in Italy there’s an association that do its best to save all these poor souls from certain death Una cuccia per la vita. I won’t ask you money because I don’t wanna enter in your economic life and I’m sure that if you have the chance to do it you will do it, but to share… To share what they do and to fight these deaths. Together we can do it, I really believe it… Like their Facebook page, share on your Facebook wall their campaigns, tell your friends about what is happening in Spanish kettels ( especially Granada Dog House ), Tweet it and if you want search associations in your nation that helps Spanish volunteers.
Sorry if this page loose its happiness, but every day I try to share with you something about me and to show you Carolina’s happiest side… but Carolina is also this. This is very important for me… And I say THANKS to you in advance for what you will be able to do <3
Bisous
yours Carolina

Ciao dolcezze
sapete bene che in questa mia pagina mi piace scrivere di cose “frivole” che a tutte noi piacciono ma questa volta… questa volta vi vorrei scrivere di qualcuno che mi sta molto a cuore perchè penso fermamente che tutte insieme si possa far cambiare le cose.
Non so se tutte voi già conoscete la storia delle perreras spagnole… Le perreras sarebbero dei canili ma purtroppo non sono canili “normali” bensì sono dei canili lager dove cani ( ma anche gatti) dopo soli 15 giorni di soggiorno vengoni uccisi nei modi più inumani quali ad esempio bastonate o infilati vivi nei forni crematori.
Non pubblicherò di seguito foto che vi mostrano ciò che avviene ma che sono di semplice reperibilità in Internet, perchè sono delle visioni troppo crude ma questa è la prima volta che vi chiedo un favore e ve lo chiedo perchè lo reputo davvero importante.
In Italia esiste un’associazione, che a breve diventerà una vera e propria onlus, che fa del suo meglio per salvare tutti questi pelosi da morte certa ed è Una cuccia per la vita. Non vi chiederò dei soldi, perchè non voglio entrare nel merito della vostra situazione finanziara e soprattutto perchè sono certa che se avrete la possibilità lo farete già voi di vostra sponte senza che sia io a chiedervelo, ma di condividere… Di condividere cosa fanno e di combattere insieme per questi animali di cui noi siamo l’unica voce… Mettete un Like alla loro pagina Facebook, condivitede le loro campagne sulla vostra bacheca, Twittatelo e spiegate ai vostri conoscenti cosa sta succedendo nelle perreras spagnole ( in particolar modo nella Dog House di Granada ).
Perdonate se oggi questa pagina perde la sua solita spensieratezza ma non riesco a stare bene con me stessa se non cerco di fare tutto ciò che posso per cercare di salvarli, io con voi condivido ogni giorno qualcosa di me e cerco di farvi vedere sempre il lato più allegro di Carolina… ma Carolina è anche questo. Questa è davvero una cosa molto importante per me e voglio scrivervi GRAZIE in anticipo per tutto ciò che sarà nelle vostre capacità di fare <3
Bisous
la vostra Carolina



Tags: , , ,

39 commenti

  1. Ely
  2. Anonymous

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi